Guido Nati al padre


 

 

Tra i caduti veliterni della Prima Guerra Mondiale anche il caporal maggiore del 13° Reggimento Artiglieria da Campagna Guido Nati, cui è dedicata la via che da piazza Cairoli porta a piazzale Donatori del Sangue. Giovane intelligente ed ardimentoso nacque il 19 settembre del 1886, pur di cultura elementare, nella solitudine della trincea, alla vigilia degli scontri, rivelava con la penna, in forma semplice, affetti sani e nobili ideali. Guido Nati cadde sulla piana di Schluderbach il 21 ottobre 1915 e gli fu conferita la medaglia d’argento al valor militare con la seguente motivazione:
“Assunto il comando di un pattuglia di collegamento sulla linea più avanzata delle fanterie, compiute audaci ricognizioni per individuare una mitragliatrice nemica che ne ostacolava l’avanzata, nel momento più critico del combattimento, spontaneamente si assunse il compito del taglio dei reticolati che effettuò due volte sotto al fuoco micidiale della fucileria nemica e quindi raccolti ed incitati con parole infiammate pochi animosi al grido di Savoia, si slanciava primo attraverso il reticolato, cadendo fulminato sulla trincea nemica”.
Sul cadavere di Guido Nati fu trovato un manoscritto da lui composto e letto ad alcuni soldati la sera prima della sua impresa. Una poesia che dimostrava la consapevolezza dell’imminente sacrifico e che, stampata e diffusa in tutta la Quarta Armata, rese popolare il nome di Nati.


 

ME TROVO IN GUERA!
Papà lo so ch’hai pianto e piagni,
dal giorno che so partito me te sogno,
che sei tanto avvilito e sei restato mutilato,
me pare de vedè un quadro d’un santo addolorato.
E specie quanno sapesti che io ero partito,
allora credo che un forte dispiacere l’hai provato,
né a te né a nessuno de famija ho salutato...
nun lo feci per cattiveria
ma pe partì co più allegria.
Se te eri presente che malinconia!
e ner vedè l’occhi tui pieni de pianto
sarebbe stato per me brutto momento.
Mo me trovo ar campo della batteria
pe’ difenne la patria mia,
in un momento
pericoloso. E perché me sento
vero italiano e bon soldato
combatto tutt’ora contro quello
ch’ha portato l’Europa a sto macello.
Papà!
Io so che quarcuno dell’antenati tui
hanno versato der sangue puro e sano pe’ potè
vince st’imperi forcaioli e infami,
indegni dei consorzi umani;
e puro noi volemo, co le nostre forze,
vincere sta vittoria,
così un giorno sarà ‘na bella pagina de storia.
Dunque, papà...
che piagni a fa?
Quanno sto core se ne sta lontano
tanto da te ed è tanto tranquillo?
Quanno sto petto è pronto ar primo squillo
pe annà incontro alla morte con ardore?
Combatterò con fede ed energia
con er nemico de l’Italia mia.
Io passo le montagne e le foreste
Le campagne più perfide e lontane,
basta ch’er sogno mio riesca
Trento e Trieste a diventà dù citta italiane.
E’ venuta l’ora de schiaccià sta potenza
che da tanti anni vive
d’infamia e prepotenza
e sopra questi campi de battaja
affronterò qualunque sia perijo
come l’affronto io, fijo
de sta gran patria che si chiama Itaja,
che piagne tale e quale a l’occhi tui,
che giustamente vuole i fij sui.
Forse stasera andrò su Monte Piana
pe fa un’esplorazione o pe’ vedetta,
port0 co’ me fucile e bajonetta;
ogni nemico che vedo
se m’ariesce,
voglio fa vendetta
contro sta stirpe tiranna e maledetta.
Papà mio bello tu ogni sera, so sicuro,
che non dormirai,
co’ le lagrime all’occhi invocherai Guido tuo...
Faccio na preghiera, che da bambino,
me la facevi dire sur lettino.
E quarche notte non potrai più sonno...
Chissà che brutti sogni che darai
Papà mia bello!
Chissà che non vedrai Guido tuo
Frammezzo a no sprofonno, pieno di morti,
che con voce fioca, ne l’urtimi momenti
e papà e mamma sua invoca.
Ma tu de quer sogno nun avè paura;
nun me ce troverò tra questi morti:
me troverò sopra na bella artura,
insieme a tanti valorosi e forti,
a difenne co’ onore la bandiera,
passando vittorioso la frontiera.
Sto medaglione indove
ce sta er ritratto de povera mamma mia,
me lo metto alla parte der core
e me la porterò per sempre appresso
baciandolo, ogni tanto, co amore
e ne li giorni brutti e de malinconia
sarà il confronto de la vita mia.
Se quarche giorno, in un combattimento,
fossi ferito ar core, sto ritratto
de mamma mia all’ultimo momento
io cercherò de fa l’urtimo sforzo,
per nasconnilo dentro alla ferita,
che leverà dal monno la mia vita!
E resterò lì. Lo stesso giorno
de quarche compagno sarò seppellito
ma, dopo quarche tempo, attorno attorno
a quella fossa, vedrete tutto fiorito...
e qualche fiore, allora
ve parlerà de gloria
de vittoria e libertà!
Quelli fiori, papà, te diranno
che io so morto da glorioso e forte,
che all’ultimo momento ho ripetuto
na parola tua:
papà rimane a te l’onore
a me la gloria.
Quanno cercate poi nel rione nostro,
(rione che non c’è l’eguale
come il rione dello cardinale)
a sto rione ce rimarrà un voto...
chi è che manca? È Guido solo!
voi tutti situati
nella nostra bella casetta tutti restate
pieni de malinconia
pensanno ar fine della vita mia.
Ma nun piagne, papà, nun restà avvilito:
se voi trovà conforto cor riposo
pensa a Garibaldi che fu glorioso
e ha combattuto sempre da guerriero
pe’ liberà l’Itaja da l’infame straniero.
...Papà, speriamo che sia sogno... epperò
nun te vojo mannà l’urtimo addio...
po’ dasse che ancora un giorno
sto braccio mio
verrà a bussà de casa su la porta
e ritornato so fra le tue braccia,
scordanno li pericoli passati
e vivremo tranquilli pe’ tant’anni,
dicennote che ho vinto e che
è finita.
L’Europa co l’Italia è tutta unita!

" Gli Eroi già avevano la cognizione dell'Europa unita "

 

 INDIETRO